Mappare le skills tecniche: nasce SMT di Npo

01 settembre 2021
Mappare le skills tecniche: nasce SMT di Npo
Un’applicazione semplice e agile perfettamente integrata con il tenant Microsoft

Agilità e semplificazione. Sono queste le parole chiave in questi ultimi mesi.

Mesi di rincorsa per evolvere, per trasformarsi e abbracciare il cambiamento.

Digitalizzarsi però porta anche a trovarsi di fronte a una quantità di attori, programmi e applicazioni: fare ordine e scegliere applicazioni semplici, in grado non solo di semplificare i processi ma di automatizzarli, è quindi una priorità da non trascurare.

Per questo Npo Sistemi ha scelto di creare un’applicazione in grado di declinare questi due concetti in un prodotto su misura per le aziende, in grado di rispondere all’esigenza di mappare e documentare le skills tecniche e le certificazioni così da orientare non solo il learning path di team, ma qualsiasi strategia aziendale di sviluppo in tema di formazione e competenze.

Si chiama Skills Management Tool (SMT) realizzata grazie alla Microsoft Power Platform per adattarsi perfettamente alla value proposition aziendale e con una duplice anima, per i dipendenti e per le risorse umane e prime linee.

Ma andiamo con ordine così da spiegare al meglio caratteristiche e vantaggi.
Caratteristiche e vantaggi

Che cos’è SMT? È un self-assessment, pensato per essere semplice da aggiornare e gestire. È insomma lo strumento progettato per gestire il know-how tecnico, di prevendita e vendita di un’azienda.

Grazie all’utilizzo di SMT è infatti possibile identificare rapidamente le competenze e le certificazioni possedute dai dipendenti e/o dai fornitori abituali.

L’applicazione, come dicevamo in apertura, è completamente integrata con il tenant Microsoft, è sviluppata in Microsoft PowerApps per una semplicità nella realizzazione, PowerAutomate per un’automazione del workflow operativo e PowerBI per attività di reporting in tempo reale.

Proprio per questo è uno strumento ad uso dei dipendenti, con un’intuitiva interfaccia in grado di mettere ordine alle certificazioni possedute dall’utente e dall’altra, per la forza vendita, per le risorse umane e per le prime linee, con la possibilità non solo di approvare le certificazioni inserite dal dipendente, ma anche da mappare quelle del team o dipartimento. Tanti i vantaggi anche per la gestione dei fornitori come per le vendor partnership, con un sistema di alert in grado di anticipare anche scadenze per l’ottenimento di ulteriori certificazioni.

Nota da non sottovalutare, la completa conformità alle norme GDPR: non sono registrati dati sensibili ma questi sono semplicemente letti dagli archivi gestiti unicamente dall’IT interno aziendale. I dati inseriti infatti sono quelli già inseriti nell’archivio in possesso dell’azienda.

Un tool intuitivo e in fieri, in grado di seguire il cambiamento dell’azienda stessa, agile e scalabile insomma, per crescere ed esserne consapevoli.

Guarda ora il video per comprendere come creare un'applicazione con MS Power Platform

In evidenza

Articoli correlati

VIDEO. Digital workplace e sostenibilità: Stefano Lombardi, Marketing Director, a #EdicolAperta
VIDEO. Digital workplace e sostenibilità: Stefano Lombardi, Marketing Director, a #EdicolAperta
Il nuovo digital workplace, come sono gli uffici di oggi
Il nuovo digital workplace, come sono gli uffici di oggi
Identity of things: perché oggi è così importante
Identity of things: perché oggi è così importante