VDI, che cos’è e perché utilizzarla: la voce dell’esperto

08 settembre 2020
VDI, che cos’è e perché utilizzarla: la voce dell’esperto
Opportunità e benefici per lo smart working

Parte con questo articolo la serie di contenuti agili dal titolo “La voce dell'esperto”, interviste veloci, di tre domande, per comprendere più da vicino i temi, le soluzioni e gli argomenti più importanti dell’attualità ICT.

Si comincia con la VDI (Virtual Desktop Infrastructure) per capirne efficacia, ambiti di applicazione e benefici. Ce ne parla Francesco Addeo, Head of Hybrid Integration & Cloud Strategy di Npo Sistemi.

 

1.VDI, di cosa si tratta?

VDI sta per Virtual Desktop Infrastructure ed è una piattaforma che permette ai dipendenti di un’azienda di avere un Desktop Virtuale sempre a disposizione a cui poter accedere, in maniera sicura e affidabile, ai dati aziendali. Una sorta di applicazione insomma, installabile in qualsiasi pc, anche personale, che permette di accedere a tutte i programmi e funzioni aziendali.

È una soluzione quanto mai attuale, se pensiamo allo scenario di oggi, dove il remote working è diventato la normalità, e alla possibilità di supportare i dipartimenti IT aziendali nella dotazione dei dipendenti di tutte le funzionalità presenti in ufficio.

 

2.VDI, quando utilizzarla?

L’utilizzo di questa soluzione può essere visto come il primo passo di adozione del Cloud in azienda.

L’ambito di applicazione più semplice è quello aziendale, i settori però sono i più diversi.

Pensiamo alle società che già utilizzano in maniera consolidata lo smart working, soprattutto per figure commerciali, oppure a quelle che lavorano frequentemente con agenti, professionisti esterni che hanno però necessità di accedere ai documenti e applicazioni aziendali, o ancora alle aziende in cui c’è forte ricambio di personale (pensiamo per esempio ai call center). Insomma, le possibilità sono numerosissime.

 

3.VDI, i benefici?

Il primo beneficio è già nel nome, virtuale. Gli utenti infatti possono connettersi al loro desktop da qualsiasi posizione o dispositivo, accedendo così a tutti i loro file aziendali e applicazioni lavorando da remoto da qualsiasi parte del mondo. 

Poi il costo, l’installazione di una VDI viene fatta lato server, non serve acquistare hardware o altro per i dispositivi in cui verrà utilizzata, addirittura i dipendenti possono accedere anche tramiti dispositivi più vecchi, riducendo così di molto i costi aziendali relativi agli asset.

Poi ancora la sicurezza, avere tutto su server invece che fisicamente sul dispositivo, è molto più sicuro e protetto riducendo il rischio di perdita dati in caso di furto o guasto.

Infine la gestione centralizzata che permette poi di aggiornare e configurare applicativi senza nessuna difficoltà.

In evidenza

Articoli correlati

ZERO TRUST: l’approccio Npo Sistemi alla cybersecurity. Il parere dell'esperto
ZERO TRUST: l’approccio Npo Sistemi alla cybersecurity. Il parere dell'esperto
Nuovi scenari per gli HR Manager: le persone sono al centro della trasformazione digitale
Nuovi scenari per gli HR Manager: le persone sono al centro della trasformazione digitale
Transizione dallo Storage HPE 3PAR a HPE PRIMERA o NIMBLE
Transizione dallo Storage HPE 3PAR a HPE PRIMERA o NIMBLE