VIDEO. Hybrid Datacenter. Multicloud, le regole dell’orchestrazione. VOL 2

01 settembre 2021
Un'opportunità per garantire flessibilità e agilità

Il multicloud indica la compresenza di servizi cloud based, in prevalenza di tipo pubblico, offerti almeno da due provider differenti. Ma perché è diventato così di moda?

Oggi si assiste a un’ibridazione delle infrastrutture. L’aumento dei dati sensibili in azienda e il proliferare di minacce informatiche sempre più sofisticate hanno portato il Data Center ibrido ad essere la soluzione più adatta e diffusa. Qual è quindi l’esigenza prioritaria in questo contesto? Quella di poterle orchestrare al meglio queste infrastrutture e avere anche il loro controllo.

Il Datacenter ibrido permette vantaggi importanti in termini di flessibilità e agilità. Significa che è possibile realizzare infrastrutture su misura che davvero valorizzino e si adattino al contesto e ai driver del business.

Ma come si gestisce un ambiente così complicato… quali i rischi e gli errori da evitare?

Guarda ora la seconda videointervista di Marco Lorusso a giornalista, blogger ed esperto di informatica, a Walter Tallachini, Presales Core Manager di Npo Sistemi.

 

In evidenza

Articoli correlati

Ransomware, tutto quello che c’è da sapere
Ransomware, tutto quello che c’è da sapere
Ripartire dalle competenze e tracciarle con il tool giusto. L'intervista a Gianluca Villa, il volto di Npo
Ripartire dalle competenze e tracciarle con il tool giusto. L'intervista a Gianluca Villa, il volto di Npo
Smart Locker: quando e perché implementarli?
Smart Locker: quando e perché implementarli?