7Pixel nasce nel 2002 da un eccellente mix di competenze informatiche e marketing. Specializzata nel segmento della comparazione prezzi e dello shopping online, 7Pixel è proprietaria ed editrice dei portali TrovaPrezzi.it, ShoppyDoo.it, Drezzy.it e Misshobby.com, leader in Italia con più di 6 milioni di ricerche mensili su circa 8 milioni di offerte di oltre 2.000 merchant aggiornati continuamente.

Esigenze

Aumentare la velocità dei motori di ricerca con uno storage performante ma “sostenibile”
Nei giorni più “caldi”, come quelli che precedono le feste di Natale, milioni di navigatori Web cercano l’offerta migliore sui siti di e-commerce. Ed è proprio in quelle poche ore che i motori di ricerca prezzi devono funzionare come un orologio svizzero, fornendo tempi di risposta rapidi a fronte di un carico di lavoro eccezionale.

Grazie alle prestazioni del nuovo storage, 7Pixel gestisce senza problemi il picco di oltre dieci milioni di utenti e 57 milioni di pageviews del periodo natalizio.

Risultati ottenuti

  • Incremento del numero massimo di operazioni di input/output al secondo, da 700 a 2.500
  • Drastica riduzione della latenza media, da 15 a 0,15 millisecondi
  • Diminuzione del tempo di risposta per gli utenti, da 450 a 300 millisecondi
  • Maggior capacità di gestione degli aggiornamenti dei listini prezzi
  • Più flessibilità nella gestione dei picchi di traffico
  • Minor consumo di energia con prestazioni superiori

Case Study Correlati

Use case - Automatizzare il Service Desk con l’Intelligent Automation
Use case - Automatizzare il Service Desk con l’Intelligent Automation

L’automatizzazione del Service Desk grazie all’Hyperautomation. Il caso di un’azienda del settore automotive che è riuscita ad efficientare questo servizio grazie a un chatbot che risolve in autonomia molti incident. 

Use case - Connettere le linee di automazione nell’industria alimentare
Use case - Connettere le linee di automazione nell’industria alimentare

La soluzione Connect the Unconnected, una piattaforma IoT in modalità “ready to use”, per rispondere con urgenza alla necessità di collaudo di nuove linee di automazione. Il caso di un’azienda del settore alimentare che, grazie alla piattaforma Connect the Unconnected, è riuscita a connettere macchinari industriali.