Workplace as a service, come abilitare lo Smart Working

14 ottobre 2020
Workplace as a service, come abilitare lo Smart Working
Npo Sistemi, single point of contact

Ci sono passati tutti, a marzo è stata la corsa al Remote Working, più che necessità un’urgenza che ha avuto il potere non solo di accelerare i processi di Digitalizzazione all’interno delle aziende, ma anche di puntare i riflettori su necessità prima più o meno manifeste.

Tra questi, la necessità, per permettere a tutti i dipendenti di lavorare da casa mantenendo la continuità operativa del business, di avere laptop “ready to wear”, pronti all’uso, in grado di avere disponibilità dei dati, sicurezza delle informazioni e facilità di gestione remota.

Esigenze, quella di nuovi laptop già configurati, assecondate però da diversi interlocutori: uno per la fornitura pc, un altro per la parte dei servizi, e, infine, il pagamento di tutto questo. Esigenze che comportavano a loro volta un doppio livello di criticità, da una parte un dipartimento IT interno in sofferenza e dall’altro ulteriori spese economiche che in un momento di stop forzato del mercato di certo avrebbero causato non pochi problemi.

A questo ha pensato Npo Sistemi, partner di riferimento per soluzioni di Digital Transformation, che supporta da sempre i propri Clienti nella trasformazione dei luoghi di lavoro, quando ha deciso di rendere disponibile sul mercato una proposta che fosse la giusta declinazione della parola semplificazione.

Una proposta che pone Npo come partner unico, un single point of contact, in grado di soddisfare tutte queste esigenze supportando le aziende in tempi brevissimi nell’abilitazione dello Smart Working.

Nasce per questo “Workplace as a service”, una proposta su misura e ready to wear, pronta all’uso, declinata in quattro main pillar:

  1. Supporto tecnologico: fornitura della parte hardware per un’immediata sostituzione dei desktop in laptop con un servizio di ritiro, smaltimento e recupero del valore;
  2. Configurazione a distanza degli applicativi aziendali;
  3. Rateizzazione finanziaria con diverse forme di noleggio realizzate su misura per il Cliente così da non impattare sul budget immediato;
  4. Servizi di asset lifecycle management, con la configurazione “on center” dei device e con servizi di manutenzione e sostituzione anche in caso di furto o danno accidentale.

Quattro aspetti in grado di seguire da vicino, e a 360°, il processo di abilitazione allo Smart Working e supportare i Clienti nella spinta verso la digitalizzazione, concretizzando una parola che in questi mesi di frenesia è stata forse la più sognata dalle imprese, la semplificazione.

Scopri una use case

In evidenza

Articoli correlati

Ripartire dalle competenze e tracciarle con il tool giusto. L'intervista a Gianluca Villa, il volto di Npo
Ripartire dalle competenze e tracciarle con il tool giusto. L'intervista a Gianluca Villa, il volto di Npo
New Normal: quali sono le prospettive di crescita per le pmi?
New Normal: quali sono le prospettive di crescita per le pmi?
Una guida rapida e gratuita per riconoscere le minacce online
Una guida rapida e gratuita per riconoscere le minacce online